Pallanuoto: la 7 Scogli domina ma non vince con la Rari Nantes

Salerno. Chapeaux alla 7 Scogli per la gara impeccabile piena di grinta, pareggiata a Salerno contro la Rari Nantes. “Chapeaux” agli arbitri per la direzione di gara ai limiti della realtà.
E’ troppa la rabbia per tentare di essere lucidi, troppa delusione per un furto a viso scoperto quello perpetrato sabato a Salerno ancora una volta da un arbitraggio a senso unico. Una rapina che al di la del risultato, non rende onore alla pallanuoto e a tutti coloro che credono in questo sport facendo dei sacrifici concreti in termine di tempo denaro e sforzi .
“Ancora una volta è andata in scena una tragicomica – ha commentato il presidente Capillo -. Non avevo mai visto tanto accanimento contro una squadra in 35 anni di pallanuoto. Con 18 espulsioni contro 

le sole 8 a favore, chiunque avrebbe perso, invece la prova dei miei ragazzi è stata superlativa. Ci mancheranno questi 2 punti nella classifica finale e vedremo quanto peseranno. Mi preoccupa e mi lascia parecchio perplesso, che arbitri cosi esperti commettano errori da dilettanti. I miei ragazzi hanno sempre dominato la partita e solo alla fine sono arrivati i due gol che hanno permesso al Salerno di raggiungerci. A fine partita siamo pure stati aggrediti e sono curioso di vedere che decisione prenderà la Giustizia Federale. Allenatori, dirigenti e presidente vengono espulsi e squalificati se protestano, ma gli arbitri? Vogliamo il rispetto al pari di tutte le altre squadre, blasonate e non, altrimenti questo sport rimarrà sempre “piccolo” e meno seguito”

CONDIVIDI