Rosolini, presunto spacciatore custodiva in casa 30 grammi di droga

Rosolini. Sono trenta i grammi di droga che i Carabinieri della Compagnia di Noto hanno trovato in casa d’un giovane già noto alla giustizia per reati sugli stupefacenti.
A finire in arresto per detenzione ai fini di spaccio è stato Luigi Garofalo, 41 anni. Il fermo di Garofalo scattava nella giornata di ieri nell’ambito di mirati servizi finalizzati alla prevenzione e alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti nel comune di Rosolini.
L’individuazione del presunto spacciatore avveniva grazie al fiuto investigativo dei militari i quali restavano alquanto insospettiti dalle frequentazioni dell’arrestato e dall’insolito via vai dalla sua abitazione. Da qui, in effetti, vi era un passaggio di 

persone gravitanti nel mondo della droga. Era il caso, quindi, di procedere, intervenire con una perquisizione domiciliare e personale. Gli esiti di tale azione si rivelavano davvero positivi per le forze dell’ordine ma indubbiamente negativi per il quarantunenne: era dentro ad un pacchetto di sigarette che vi erano 5 spinelli realizzati con tabacco e marijuana. Da qui l’estensione della perquisizione pure alla casa dove, in salotto, veniva rinvenuto un pezzo di sostanza stupefacente del tipo hashish dal peso complessivo di circa 30 grammi, ma pure un centinaio di semi di marijuana, un bilancino elettronico di precisione, nonché materiale vario per il confezionamento della droga. Nel prosieguo delle operazioni di perquisizione, sul terrazzo dell’abitazione, i militari rinvenivano 17 piante di canapa indiana di diversa altezza. Il tutto veniva naturalmente sequestrato mentre Garofalo, espletate le formalità di rito, veniva posto ai domiciliari.

F.G.

CONDIVIDI