Si masturba alla presenza di tre bambine, fermato dalla Polizia un 33enne

Nella serata di mercoledì 27 giugno gli agenti della Polizia di Stato, in servizio alle Volanti della Questura di Siracusa, a seguito di intensa e laboriosa attività di indagine posta in essere nelle ultime 48 ore senza soluzione di continuità, hanno sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria un siracusano di anni 33, che due giorni prima, nel tardo pomeriggio del 25 giugno in una frazione del comune di Siracusa, si sarebbe reso responsabile di atti sessuali alla presenza di tre minori, delle quali due di età inferiore agli anni 8 ed una di età inferiore agli anni 12.

 In particolare, l’uomo, approfittando che le tre minori, nel pomeriggio ed in pieno centro erano momentaneamente lontane dai genitori, intente a giocare all’interno di un esercizio commerciale di distribuzione automatica di snack e bevande in assenza del gestore, poneva in essere a più riprese atti di autoerotismo alla presenza delle tre minori arrivando, persino, al culmine della propria patologica criminale perversione a macchiare del proprio liquido seminale la felpa indossata da una delle bimbe. Il grave fatto, che aveva visto quali vittime fortunatamente inconsapevoli tre bambine come tante di un ristretta comunità intente a trascorrere spensieratamente un

pomeriggio d’estate aveva ovviamente suscitato grave allarme sociale nonché profondo sgomento e preoccupazione nei residenti, nei conoscenti e nei genitori delle vittime che, rivolgendosi immediatamente alla Polizia di Stato, hanno potuto ottenere la giusta e celere risposta ad un delitto che, per la sua oggettiva gravità, nonché per le conseguenze che avrebbe potuto avere, non poteva rimanere insoluto e senza l’immediata individuazione del presunto responsabile.

L’uomo, sottoposto a fermo di indiziato di delitto in ragione dei riscontri gravi, precisi e concordanti atti a ritenerlo responsabile del grave fatto delittuoso, nella serata di ieri veniva condotto presso la casa circondariale di “Cavadonna” Siracusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

CONDIVIDI