A distanza di tre anni dallo scippo di 1500 euro identificata l’autrice del colpo: è una netina di 51 anni

Noto. Per le modalità dello scippo i poliziotti del Commissariato della Polizia di Stato ritenevano che a compierlo fosse stato un uomo. E, invece, grazie alla deposizione di un testimone che aveva assistito allo scippo di una busta che un’anziana donna teneva in una mano, si è scoperto che il furto con strappo era stato perpetrato da una donna. Le indagini degli agenti del Commissariato hanno consentito di accertare che la vittima dello scippo, dopo essersi recata in banca, autunno del 2015, dove aveva prelevato la somma di 1.500 euro, prima di rincasare si era fermata in un panificio e aveva confidato a una sua conoscente di avere con sé l’ingente somma di denaro appena prelevata dall’istituto di credito. Poi, dopo aver salutato la conoscente, l’anziana donna si era avviata verso la strada in cui sorge la sua abitazione ma durante il tragitto era stata aggredita da uno sconosciuto che, con destrezza, le strappava dalla mano la busta contenente i 1500 euro. Alla scena aveva assistito un uomo che si poneva all’inseguimento dello scippatore e riusciva quasi a raggiungerlo. Il malvivente, nel timore di essere raggiunto dall’inseguitore, gettava per terra la busta piena di soldi e riusciva a fare perdere le proprie tracce. L’inseguitore, oltre a raccattare la busta e riconsegnarla all’anziana donna cui era stata rubata, si accorgeva di non avere seguito un uomo, ma una donna il cui volto gli apparve quando lei gettava la busta piena di banconote.
La sua deposizione e le informazioni fornite dalla vittima dello scippo hanno consentito agli investigatori del Commissariato di identificare la responsabile dello scippo. Si tratta di una donna di 51 anni, della quale la Polizia ha fornito soltanto le iniziali (R.B.). I poliziotti l’hanno convocata negli uffici del Commissariato dove le hanno comunicato di essere indagata per furto con destrezza e al tempo stesso le hanno consegnato l’avviso di conclusione indagine.

CONDIVIDI