Vincenzo Aloschi e Giuseppe Caruso hanno confessato i tre furti commessi tra Siracusa e Floridia

Siracusa. Innanzi al Giudice delle indagini preliminari Carmen Scapellato si è svolto l’interrogatorio di garanzia di Vincenzo Aloschi e Giuseppe Caruso accusati di avere commesso un furto con scasso ai danni del supermercato Famila, dove nottetempo si sono introdotti dopo aver divelto una saracinesca. Una volta entrati nel supermercato i due ladri hanno riempito alcuni carrelli di profumi, cibo e vari tipi di prodotti alimentari, bottiglie di liquori e di vino e altro ancora per valore di alcune centinaia di euro. Ai due ladri viene contestato un altro colpo furtivo posto in essere ai danni di un negozio “Made in China”, sito a Floridia, gestito da un cittadino cinese, il quale ha denunciato che la coppia di ladri, fatta irruzione nel suo esercizio commerciale, si è impossessata del registro di cassa e si è appropriata della somma di diecimila euro in contanti. Il terzo colpo ladresco è stato commesso ai danni di un cittadino di nazionalità cinese al quale hanno rubato una bicicletta elettrica. Vincenzo Aloschi, colpito dalla misura cautelare in carcere anche alla luce dei suoi precedenti penali, ha confessato gli addebiti alla presenza del suo difensore di fiducia, avvocato Junio Celesti. Anche Giuseppe Caruso, raggiunto dalla misura cautelare degli arresti domiciliari, ha reso ampia e circostanziata confessione alla presenza del proprio difensore, avvocato Antonio Meduri.
Vincenzo Aloschi e Giuseppe Caruso sono stati arrestati dai Carabinieri in esecuzione di una ordinanza di custodia emessa dal Giudice delle indagini preliminari Carmen Scapellato. Ad Aloschi il provvedimento coercitivo è stato notificato in carcere dove è detenuto per un precedente provvedimento coercitivo emesso ai suoi danni in quanto resosi responsabile di ulteriori furti.
Aloschi e Caruso sono stati arrestati nella giornata di lunedì 5 novembre e nell’odierna mattinata, 8 novembre, sono stati condotti al Tribunale per essere sottoposti ad interrogatorio di garanzia sui tre colpi furtivi ad entrambi contestati.

CONDIVIDI