Addis Abeba, precipita Boeing 737 in fase di decollo, tra le 157 vittime l’assessore regionale Tusa

Addis Abeba. Tra i 149 passeggeri a bordo del Boeing 737 della Ethiopian Airlines precipitato questa mattina dopo essere decollato da Addis Abeba per Nairobi, c’erano anche 8 passeggeri italiani. Tra le vittime italiane figura l’archeologo mondiale Sebastiano Tusa, anche assessore regionale ai Beni culturali e “sovrintendente del Mare” della Regione sicliana. L’assessore Tusa era diretto in Kenya per un progetto dell’Unesco.Oltre ai 149 passeggeri sono morti gli otto membri dell’equipaggio.
Alla notizia della morte dell’assessore Tusa si sono susseguiti i messaggi di vicinanza alla famiglia di esponenti politici, partiti e movimenti politici, enti pubblici, Comuni e Associazioni.

Cordoglio del M5S all’Ars per la scomparsa di Tusa

“Il M5S all’Ars esprime profondo cordoglio e vicinanza ai familiari delle vittime del tragico incidente aereo in Etiopia, tra cui figura anche l’assessore regionale ai Beni Culturali, Sebastiano Tusa.
“Se ne va – dice il capogruppo Francesco Cappello – un uomo di profonda cultura e di grandissimo spessore, con cui spesso abbiamo avuto modo di relazionarci in maniera cordiale e proficua. Le nostre condoglianze anche al governo regionale”.

Morte assessore Tusa: Lupo: cordoglio del gruppo PD all’Ars

“Sono profondamente addolorato per la tragica scomparsa di Sebastiano Tusa, assessore regionale ai Beni Culturali, persona di grande valore umano e professionale. Esprimo alla moglie e ai familiari sincero cordoglio a nome mio e dei parlamentari del gruppo PD all’Ars”. Lo dice Giuseppe Lupo capogruppo del PD all’Ars a proposito dell’incidente aereo del volo Ethiopian Airlines precipitato questa mattina, nel quale hanno perso la vita 157 persone tra le quali otto italiani e l’assessore regionale ai Beni Culturali ed all’Identita siciliana Sebastiano Tusa.

Tusa, Rubino (Pd): Cordoglio del Partito Democratico della Sicilia

“A nome del Partito Democratico della Sicilia esprimo, i più accorati sentimenti di cordoglio per la scomparsa dell’Assessore Regionale ai Beni Culturali ed Archeologo di fama internazionale, Sebastiano Tusa, e di tutte le vittime che hanno perso la vita nel tragico incidente aereo verificatosi poche ora fa in Etiopia: “Ci stringiamo alla famiglia dell’assessore Tusa, manifestando la vicinanza dell’intera comunità democratica”.
Lo dichiara il Vicesegretario del PD siciliano Antonio Rubino.

Comune di Canicattini Bagni: cordoglio per la scomparsa dell’assessore Tusa

Il Sindaco Marilena Miceli, l’Amministrazione, il Presidente Paolo Amenta e tutto il Consiglio comunale di Canicattini Bagni, esprimono a nome di tutta la città il cordoglio per la tragica scomparsa dell’Assessore regionale ai Beni Culturali, Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale e Sovrintendente del Mare della Regione, diretto in Kenya per un progetto dell’Unesco. 
Cordoglio e dolore per tutte le 157 vittime, tra esse 8 italiani, del volo della Ethiopian Airlines diretto a Nairobi e precipitato subito dopo il decollo da Addis Abeba.
Con Tusa la Sicilia perde uno dei suo studiosi più preparati ed uno dei suoi migliori promotori.

La tragica scomparsa dell’assessore regionale Sebastiano Tusa: il cordoglio della Fondazione Inda

La Fondazione Inda tutta, il presidente Francesco Italia, il consigliere delegato Mariarita Sgarlata, il sovrintendente Antonio Calbi, i componenti del consiglio di amministrazione, i lavoratori e gli artisti, si unisce commossa al dolore della famiglia per la scomparsa di Sebastiano Tusa, assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Siciliana, archeologo di fama mondiale, per anni Soprintendente del Mare della Regione Siciliana, ed esprime cordoglio per tutte le vittime dell’incidente aereo in Etiopia.
“Il mondo della cultura e dei beni culturali perdono un intellettuale di passione e grande lealtà – sono le parole di Francesco Italia, presidente della Fondazione Inda -. Sebastiano Tusa ha fornito un contributo enorme all’archeologia con gli scavi e le scoperte in tutto il mondo dando lustro alla Sicilia, terra che amava profondamente; con la sua morte perdiamo un ponte prezioso tra il mondo della cultura e la politica. Esprimo il mio personale cordoglio e quello di tutta la Fondazione per i familiari di Sebastiano Tusa”.
“Con Sebastiano Tusa abbiamo condiviso lungo la nostra vita la professione di archeologo e non è certo facile parlarne in questo momento – così accompagna le sue parole Mariarita Sgarlata, consigliere delegato della Fondazione Inda – a lui si deve l’istituzione della Soprintendenza del Mare in Sicilia, una struttura unica che esiste soltanto in Grecia e che ha garantito ricerca, tutela, vigilanza, valorizzazione e fruizione dell’immenso patrimonio dei mari siciliani. La Fondazione Inda si unisce alla profonda emozione per la sua tragica scomparsa. In questi mesi proprio l’assessore Tusa e il presidente Musumeci erano stati i riferimenti preziosi e sensibili di una nuova fase nei rapporti tra la Regione Siciliana e l’Inda improntata ad una visione sinergica, al confronto e alla costante collaborazione istituzionale”.
“Ho conosciuto l’assessore Sebastiano Tusa nei primi giorni del mio insediamento, lo scorso novembre, a Siracusa dopo la presentazione di un libro sui beni culturali della Regione – è il ricordo di Antonio Calbi, sovrintendente della Fondazione Inda -. La sera a cena, avemmo modo di conoscerci un po’ di più e gli illustrai le opere di Umberto Passeretti, pittore dedicato completamente all’archeologia, autore dell’immagine della stagione 2019 del Teatro Greco, e Tusa espresse il proprio entusiasmo. Non solo, si rese subito complice all’idea di arricchire il concerto di Ludovico Einaudi al Teatro Greco con immagini subacquee di ritrovamenti archeologici siciliani. Con la sua improvvisa e dolorosa scomparsa perdiamo un punto di riferimento speciale, un uomo di cultura e appassionato archeologo, prestato momentaneamente alla politica, e che avrebbe certamente supportato la Fondazione Inda nei suoi progetti di sviluppo territoriali e internazionali”.

Il cordoglio della Consulta regionale Ordini Architetti Sicilia per la scomparsa dell’assessore Tusa

«La tragica scomparsa di Sebastiano Tusa è una grave perdita anche per il mondo dell’Architettura siciliana, perché aveva a cuore la qualità del patrimonio paesaggistico dell’Isola. Era un riconosciuto paladino dei beni culturali e monumentali della Sicilia, non a caso fra le priorità del suo assessorato c’era quella di adeguare il sistema museale regionale agli standard europei. Desideriamo che l’eredità intellettuale che ci lascia l’assessore, possa essere un grande spinta per la promozione della buona Architettura nella nostra terra, anche attraverso un disegno di legge di semplificazione delle procedure autorizzative in tema di paesaggio, a cui stava lavorando insieme alla categoria». Queste le parole di cordoglio della Consulta degli Ordini degli Architetti della Sicilia, composta dai vicepresidenti del Consiglio nazionale di categoria Lilia Cannarella e Rino La Mendola, e dai presidenti Alfonso Cimino (Agrigento), Paolo Lo Iacono (Caltanissetta), Alessandro Amaro (Catania), Antonino Rizza (Enna), Caterina Sartori (Messina), Francesco Miceli (Palermo), Salvatore Scollo (Ragusa), Francesco Giunta (Siracusa), Vito Mancuso (Trapani).
«Vogliamo inoltre sottolineare – aggiungono gli Architetti – che Tusa aveva avviato un progetto per mettere a sistema i Parchi Archeologici, da ampliare oltre ai cinque già esistenti. Ricordiamo il suo grande impegno per la valorizzazione di numerose aree, tra cui l’isola di Mozia, e per il riavvio dopo tanti anni di una nuova campagna di scavi archeologici, inclusi i loro restauri, in ben otto province siciliane».
La Consulta degli Architetti conclude con un pensiero di cordoglio rivolto agli altri sette italiani e a tutte le vittime che si trovavano nell’aereo precipitato in Etiopia, presenti su quel volo per portare avanti progetti di sviluppo per l’Africa.

Scomparsa assessore regionale Sebastiano Tusa, Fabio Granata: “Una perdita immensa”

Fabio Granata, già assessore regionale ai Bbcc e attuale assessore alla Cultura e al Patrimonio Unesco della Citta di Siracusa, ha diffuso una nota di grande cordoglio per la scomparsa dell’assessore regionale Sebastiano Tusa. “Quella di Sebastiano Tusa è una perdita immensa. Avverto un vuoto incolmabile e un dolore che mi lascia senza fiato e distrutto dopo decenni di condivisione di battaglie, visioni, progetti e amicizia. Siamo stati insieme protagonisti di innovazioni legislative e progetti avventurosi: dalla Soprintendenza del Mare a quel sistema dei Parchi archeologici che stava con rigore e passione completando, nonostante molti ostacoli posti dai soliti difensori di interessi speculativi. Anche per questo senza Sebastiano sarà tutto più difficile e si capirà solo in prospettiva quale perdita abbia subito non solo la Sicilia ma la cultura italiana. Ha combattuto con coraggio le battaglie più estreme e difficili, senza mai perdere la gentilezza e la speranza. Mancherà in maniera indicibile a tutti coloro i quali credono che la Sicilia non sia irredimibile. Il suo è un lascito inestimabile per tutti noi: cerchiamo di esserne degni e all’altezza”.

CONDIVIDI