“Abbracciata Collettiva”: Siracusa capolista della solidarietà per i bambini affetti da autismo

Siracusa. E’ stata Siracusa a vincere la quarta edizione di Abbracciata Collettiva.
La città ha dimostrato con la presenza di tanti siracusani di voler essere vicino agli organizzatori di questa iniziativa di solidarietà ed inclusione e vicinanza alle tante famiglie che vivono ogni giorno le problematiche dell’autismo e della disabilità.
La gara di solidarietà svolta in contemporanea ad altre 10 città italiane della durata di 30 ore consecutive, ha fatto registrare alla piscina del Club Pegaso di Siracusa, la presenza di 1510 partecipanti che hanno percorso 4890 chilometri.
Al taglio del nastro il piccolo Simone Regina, il sindaco Francesco Italia, l’assessore allo sport, Nicola Lo Iacono il coordinatore regionale TMA, Francesco Paoletti, Carmelo Regina dello staff organizzativo, Lisa Rubino presidente del Coprodis, Simona Corsico vicepresidente dell’AIPD, Il presidente del Panathlon, Rodolfo Zappalà e Cettina Marziano del mondo di Titó.
Grazie a questa manifestazione benefica saranno donate oltre 600 terapie alle famiglie di Siracusa e Catania che praticano la Terapia Multisistemica in Acqua metodo Caputo-Ippolito.
“Il risultato conseguito che vede Siracusa prima fra le 11 città che hanno aderito alla Abbracciata Collettiva – ha detto il sindaco Francesco Italia – mi riempie di orgoglio. Voglio complimentarmi e ringrazio gli organizzatori e quanti hanno contribuito a conseguire questo importante risultato, che dimostra e conferma che Siracusa è una città solidale e inclusiva”.
“L’amministrazione esprime soddisfazione – ha detto l’assessore allo Sport Nicola Lo Iacono – per la riuscita della manifestazione che aveva una finalità di solidarietà verso i bambini affetti da Autismo. Siamo contenti per la partecipazione di tanti siracusani , che hanno permesso anche di raccogliere dei fondi significativi e soprattutto perchè la città di Siracusa si è classificata al primo posto per numero di chilometri percorsi in acqua”
“Le mie parole- ha detto il coordinatore regionale TMA Francesco Paoletti – sono quelle dei bambini e ragazzi della TMA che non possono esprimersi verbalmente ma che attraverso i loro sorrisi e i loro sguardi ci hanno parlato della loro gioia nell’aver accolto migliaia di persone che in questi giorni si sono strette insieme a noi in un grande Abbraccio Collettivo”.
L’edizione 2019 dell’Abbracciata Collettiva ha visto coinvolte 8.000 persone in tutta Italia: semplici cittadini e nuotatori professionisti, ragazzi affetti dal disturbo con i loro coetanei e familiari, operatori TMA ed educatori, che hanno nuotato chilometri dando vita a una due-giorni di grande festa e di partecipazione.
Le famiglie dei bambini speciali si sono sentite finalmente supportate da tante persone che hanno partecipato attivamente a tutte le manifestazioni che in ogni città sono state organizzate. Un concreto segno di vicinanza. Lo sport non ha mai fatto così bene.
Il metodo TMA Caputo-Ippolito utilizza l’acqua come attivatore emozionale, sensoriale e motorio: attraverso un intervento individualizzato, aiuta a sviluppare una relazione significativa superando i disturbi della comunicazionee della relazione connessi all’autismo. E’ stata pubblicata, su una importante rivista scientifica americana “Journal of Autism and DevelopmentalDisorders”, “Effectiveness of a MultisystemAquaticTherapy for Children with AutismSpectrumDisorders” una ricerca sugli effetti benefici della TMA metodo Caputo Ippolito.
L’evento è stato presentato da Prospero Dente e Salvo Fruciano.
-I risultanti finali della classifica nazionale:
1)- SIRACUSA km. 4891; 2) – NAPOLI Km. 3933; 3) – REGGIO Km. 3053; 4)- FOGGIA. Km. 2408; 5) – TREVISO. Km. 1476; 6) – MILANO Km. 1396; 7) – FIRENZE Km. 1255; 8) – MESSINA Km. 1228; 9) – BRINDISI. Km. 1023; 10) – ROMA Km. 886,99; 11) – ALESSANDRIA Km. 664,22

CONDIVIDI