Teneva dentro casa una pietra di cocaina e 150 grammi di hashish: arrestato un 21enne

Siracusa. Aveva installato la telecamera a pochi metri di distanza dalla sua abitazione per non farsi sorprendere dalle forze dell’ordine ma il sogno di Michele Amenta, 21 anni, è svanito quando alla porta della sua casa, ubicata in Via Maestranza, si sono presentati i Carabinieri della Stazione di Ortigia in compagnia di un’unità cinofila, per effettuare una perquisizione. E peggio di com’è finita non poteva andare. Il cane antidroga, infatti, ha consentito ai Carabinieri di rinvenire dentro la camera da letto del ventunenne una pietra di 15 grammi di cocaina e 150 grammi di hashish, che erano bene occultati in un nascondiglio che sembrava inaccessibile. E, invece, il fenomenale fiuto del cane antidroga dei Carabinieri ha fatto naufragare tutte le certezze del ventunenne. Prima si era dovuto ricredere sull’efficacia della telemera e dopo aveva dovuto prendere atto che le unità cinofile antidroga hanno un fiuto eccezionale, grazie al quale riescono a far trovare la sostanza stupefacente anche nei posti più inaccessibili. I militari, a loro volta, hanno rinvenuto delle cartucce per fucile calibro 12 e la somma di 350 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. Droga, cartucce e denaro sono stati sequestrati mentre per il ventunenne sono scattate le manette ai polsi.
La convalida dell’arresto di Michele Amenta avrà luogo domani, sabato 27 aprile. Il pusher, che ha nominato proprio difensore di fiducia l’avvocato Giorgio D’Angelo, comparirà innanzi al Giudice delle indagini preliminari Carla Frau.

CONDIVIDI