Nel camper trovano una pistola ma non c’è la prova che fosse dell’arrestato e il Gip lo libera

Siracusa. Accogliendo la richiesta degli avvocati Junio Celesti e Antonio Zizzi, il Giudice delle indagini preliminari Carla Frau ha rigettato la richiesta del Pubblico Ministero Marco Di Mauro di applicare una misura coercitiva a Santo Formica, 64 anni, per detenzione illegale di una pistola calibro 7,65, e ha ordinato la sua immediata liberazione. Il Gip Frau, in attesa che sul caso vengano effettuati delle ulteriori indagini, ha applicato a Santo Formica la misura cautelare dell’obbligo di dimora. Per il Gip Frau non c’è agli atti la prova che fosse del Formica la pistola calibro 7,65 che gli investigatori dell’Arma hanno rinvenuto nel portabagagli del camper. Il dubbio nasce dalla collocazione del vano portabagagli che nel camper del Formica è posizionato all’esterno del veicolo, quindi in teoria accessibile a chiunque. E allora sul punto il Gip ha disposto degli ulteriori approfondimenti al fine di verificare la proprietà dell’arma da sparo. Da parte sua, Santo Formica ha negato gli addebiti, per cui con la sua protesta d’innocenza lasciato intendere che, non lui, ma altre persone hanno infilato la pistola nel suo camper e di averlo poi denunciato per farlo arrestare.

CONDIVIDI