E’ un maresciallo GdF il piromane che ha bruciato le Saline di Priolo e la macchia mediterranea

Priolo Gargallo. E’ un maresciallo della Guardia di Finanza di 62 anni, ora in pensione, il piromane che ha incendiato la riserva naturale delle Saline di Priolo e gran parte della macchia mediterranea. Si chiama Giuseppe Santagati, è sposato e ha cinque figlio, di cui uno allievo Carabiniere. Il maresciallo Santagati è stato arrestato nel pomeriggio di ieri, mercoledì 10 luglio, dai Carabinieri del Comando Stazione di Priolo Gargallo in quanto responsabile di aver scatenato due pericolosi ed ingenti incendi nella zona di Priolo. Nello specifico lo stesso veniva sorpreso dai militari dell’Arma mentre, con un accendino, appiccava fuoco alla folta vegetazione spontanea essiccata presente nella zona di Contrada “Biggemi”, causando un incontrollabile incendio che grazie sia alle condizioni climatiche che alla forte brezza presente in zona si diffondeva su gran parte della macchia mediterranea, su alberi e casolari rurali circostanti.
I militari, seppur coinvolti in supporto sia allo spegnimento delle fiamme che al soccorso delle persone presenti nell’area interessata dall’incendio, sono, inoltre, riusciti a eseguire e sviluppare una specifica ed immediata attività info/investigativa che permetteva loro di raccogliere inconfutabili elementi probatori a carico del pensionato 62enne, individuandolo anche quale responsabile di altro incendio appicciato in contrada “Petraro”.
L’arrestato, che non ha fornito alcun valido movente o spiegazione dell’insano e pericoloso gesto commesso, condotto presso i locali della Caserma di Priolo Gargallo, per le incombenze di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di ”Cavadonna” così come disposto dal Pubblico Ministero Marco Di Mauro.
Il piromane ha nominato proprio difensore di fiducia l’avvocato Domenico Mignosa.

CONDIVIDI