Sorbello: “Il Comune si attivi per i fondi del governo miranti alla conciliazione famiglia-lavoro”

Siracusa. Salvo Sorbello, già delegato nazionale dei Comuni italiani per le politiche familiari, esorta l’Amministrazione comunale ad attivarsi nel richiedere i fondi messi a disposizione dal Dipartimento Famiglia del Governo per le famiglie e per migliorare la qualità della vita di mamme e papà lavoratori.
Scrive Salvo Sorbello “È stato pubblicato, da parte del Dipartimento Famiglia del Governo nazionale, il bando per #Conciliamo, una misura che destinerà ben 74 milioni di euro per progetti di welfare aziendale, miranti alla conciliazione famiglia-lavoro. I fondi sono destinati a interventi che promuovano appunto un welfare su misura per le famiglie e per migliorare la qualità della vita di mamme e papà lavoratori.
Il bando ha infatti come obiettivi specifici: il rilancio demografico, con la crescita della natalità, l’incremento dell’occupazione femminile, il riequilibrio dei carichi di lavoro fra uomini e donne, il sostegno alle famiglie con componenti disabili, la tutela della salute, il contrasto all’abbandono degli anziani.
Possono partecipare: imprese, società cooperative e soggetti collettivi. Sarebbe davvero auspicabile che il Comune di Siracusa si attivasse per promuovere la partecipazione a questo bando. L’avviso specifica infatti che verrà favorito il finanziamento di progettualità provenienti da tutto il territorio nazionale, garantendo il coinvolgimento dei Comuni per le progettualità relative ai servizi alla persona”, nell’ottica di integrare il welfare aziendale con la rete dei servizi territoriali.
Le azioni progettuali possono quindi prevedere l’attivazione di reti con enti territoriali e parti sociali, attraverso specifiche lettere di intenti da presentare assieme alla domanda di finanziamento. In particolare, le azioni che presentano progetti relativi ai servizi alla persona di competenza comunale coinvolgono i Comuni di riferimento nella realizzazione del progetto”.
Salvo Sorbello
già delegato nazionale dei Comuni italiani per le politiche familiari

CONDIVIDI