Scarcerato il pusher di Melilli che in casa nascondeva 85 grammi di marijuana e un proiettile

Siracusa. E’ comparso innanzi al Giudice Monocratico Salvatore Cavallaro il giovane di Melilli arrestato dai Carabinieri per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Il ragazzo, che si chiama Salvatore Saraceno, e ha 20 anni, è stato scarcerato dal Giudice Monocratico che, dopo averne convalidato l’arresto, ha rigettato la richiesta del Pubblico Ministero tesa ad ottenere l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari. Salvatore Saraceno, difeso dall’avvocato Giuseppe Di Forti, ha ammesso gli addebiti, ma ha negato di detenere la droga per spacciarla ai fumatori di canne. Il Giudice Monocratico Cavallaro ha preso atto della dichiarazione di Salvatore Saraceno, ma non l’ha ritenuta credibile tant’è che, nel disporre la scarcerazione del ventiduenne, ha disposto nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di firma presso la caserma dei Carabinieri di Melilli.
L’arresto del pusger è avvenuto nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Compagnia Carabinieri di Augusta per il contrasto allo spaccio di stupefacenti. Sono stati i militari della Stazione Carabinieri di Melilli che, dopo una intensa attività investigativa, hanno deciso di effettuare una mirata perquisizione domiciliare, presso l’abitazione di Salvatore Saraceno, 22 anni, già noto alle forze dell’ordine, che si concludeva con il rinvenimento di 85 grammi di marijuana ed un proiettile calibro 7,65, materiale abilmente occultato all’interno del vano che custodisce il contatore dell’energia elettrica e nel mobilio della camera da letto. Il ventiduenne veniva dichiarato in stato di arresto, per detenzione a fini di spaccio sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di munizioni. Ma questa mattina, gli arresti domiciliari cui era stato sottoposto il Saraceno, sono stati revocati dal Giudice Monocratico Salvatore Cavallaro che ha deciso di applicargli la misura non afflittiva dell’obbligo di firma presso i Carabinieri.

CONDIVIDI