Prescrizione, il Cav. Paolo D’Orio aderisce allo sciopero degli avvocati dal 21 al 25 ottobre

Siracusa. I penalisti di tutta Italia si asterranno dal partecipare alle udienze innanzi al Collegio Penale, al Gip, e al Giudice Monocratico per protestare contro la norma che prevede la riforma della prescrizione. Una legge fortemente voluta dall’attuale Ministro della Giustizia, il grillino Bonafede ma che viene contestata dalla classe forense. Anche a Siracusa la locale Camera Penale ha aderito all’astensione dalle udienze e, a quanto pare, la partecipazione dovrebbe essere massiccia. Ovviamente, verranno regolarmente celebrati i processi con imputati in stato di detenzione e le udienze di convalida di arresto. Tra i partecipanti allo sciopero delle toghe figura l’avvocato Paolo D’Orio. Il cavaliere avvocato D’Orio sulla settimana di astensione dalle udienze proclamata dall’Unione nazionale delle Camere Penali afferma: “Aderisco all’astensione proclamata dalla Unione Camere Penali Italiane da lunedì 21 a giorno 25 ottobre, scioperando contro la riforma voluta dal Movimento 5 Stelle (nel propagandato “Decreto Spazzacorrotti”) che prevede l’abolizione della prescrizione dopo il processo di primo grado. Questa riforma, non eccepita oggi dal PD con il renziano Italia Viva, realmente avrà come effetto di allungare – ancora di più – i tempi dei processi. La prescrizione è come un termometro che misurando la febbre evidenzia che la Giustizia è malata: decidere che la tacca rossa del termometro non debba più stare a 37° bensì a 40° non fa un passo avanti per la guarigione! Il grave problema dell’intollerabile lungaggine del processo penale, come di quello civile, potrebbe trovare invece soluzione con leggi che diano a ogni settore della giurisdizione italiana maggiori risorse non solo economiche ma innanzitutto umane.”.

CONDIVIDI