Catania, il Gip del Tribunale dei minori ha assolto una 17enne accusata di possesso di marijuana

Catania. Si è concluso con l’assoluzione, per non aver commesso il fatto, il processo a carico di una diciassettenne siracusana, accusata di detenzione illegale di cento grammi di marijuana. La sentenza di assoluzione è stata pronunciata dal Gip Castrogiovanni in servizio al Tribunale dei Minori di Catania. Il Pubblico Ministero, invece, a conclusione della requisitoria, aveva chiesto la condanna della diciassettenne alla pena di un anno e sei mesi di reclusione. In difesa della giovane ha parlato l’avvocato Angelo De Melio, che si è battuto per la sua assoluzione, sostenendo che fosse assolutamente all’oscuro che nella propria borsa si trovavano i cento grammi di droga. Secondo il difensore, e anche secondo il giudice Castrogiovanni, la marijuana è stata riposta all’interno della borsa dal fratello della diciassettenne, poco prima di finire in carcere per detenzione di sostanze stupefacenti. A inguaiare la ragazza è stata una sua vicina di casa, che, trovando sul davanzale della finestra una borsa, l’ha aperta e si è accorta della presenza del quantitativo di marijuana. La curiosa vicina di casa ha chiamato la Polizia che, appena ricevuta la “soffiata”, si è recata nell’abitazione della diciassettenne, il 18 maggio 2017, e ha sequestrato la borsa adagiata sul davanzale della finestra della casa della ragazza e i cento grammi di marijuana che si trovavano al suo interno. La diciassettenne si è sentita cadere il mondo addosso e, per sua fortuna, nel dubbio che fosse effettivamente all’oscuro della presenza del quantitativo di “erba” dentro la propria borsa, venne denunciata a piede libero. Per un quantitativo così rilevante di droga di solito scattano le manette ai polsi. Alla diciassettenne andò bene, perchè fu soltanto denunciata a piede libero e, adesso che è diventata maggiorenne, è stata processata al Tribunale dei Minori di Catania, per quel reato accertato il 18 maggio di due anni fa. Adesso la sua innocenza è stata acclarata dalla sentenza emessa dal Gip Castrogiovanni, che ha detto che la giovane siracusana non ha assolutamente commesso il reato di detenzione illegale di cento grammi di marijuana.

CONDIVIDI