Augusta, gli ambulanti vendevano pesce privo di tracciabilità: sanzione e sequestro del pescato

Augusta. Una pattuglia della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera di Augusta ha effettuato un controllo di polizia nel centro storico, nei pressi della chiesa di Cristo Re, nei confronti di venditori ambulanti di prodotto ittico privo di tracciabilità. Nei confronti degli ambulanti è stata irrogata una sanzione amministrativa pari a circa € 1.500, mentre il prodotto ittico, sottoposto a sequestro, è stato dapprima fatto controllare dal competente servizio veterinario di Augusta, dell’Azienda Sanitaria Provinciale, ed essendo stato giudicato non idoneo al consumo umano, è stato avviato a corretto smaltimento. Rimane sempre l’alta l’attenzione della Capitaneria di Porto-Guardia Costiera nel perseguimento di quelle indebite condotte che possano mettere a repentaglio la salute dei cittadini, attraverso la messa in vendita di prodotto ittico di dubbia provenienza, o comunque non correttamente conservato.
Cecilia Càsole

CONDIVIDI