Se n’è andato Michele Marchese, tipografo e presidente degli artigiani. Il cordoglio del Sindaco

Siracusa. Dopo una lunga malattia si è spento Michele Marchese, ex presidente della Cna di Siracusa ed ex leader di Casartigiani. Per molti anni Michele Marchese è stato, assieme ai fratelli, titolare dell’omonima Tipografia Marchese, ubicata in Via Maestranza, a Ortigia. In quella tipografia sono cresciuti alcuni giornalisti siracusani di calcio e di sport in generale, che scrivevano per il periodico Azzurro. Smessi gli abiti di tipografo, Michele Marchese è entrato nella Confederazione degli artigiani di cui poi è stato uno dei più attivi e aprezzati presidenti della segreteria della provincia aretusea. Michele Marchese è stato anche componente della Camera di Commercio e del Consiglio comunale e per un breve periodo anche assessore.
Con lui se ne va un altro personaggio della storia post bellica e contemporanea di Siracusa. Purtroppo la malattia, che sembrava avesse sconfitto anche perchè lui seguiva alla lettera il consiglio del suo medico curante di non stare sempre seduto ma di fare delle passeggiate della durata minima di venti minuti al giorno, ha avuto il sopravvento sulla sua forte determinazione di vivere assieme alla sua famiglia e ai suoi tantissimi amici e conoscenti per tanti anni ancora.
Tra i primi a esprimere il proprio cordoglio il sindaco di Siracusa, Francesco Italia.
“Michele Marchese è stato un rappresentante della nobile categoria degli artigiani capaci di innovare e di operare, con spirito imprenditoriale, per il bene della sua comunità. In questo senso, fu appassionato del suo lavoro ma uguale passione profuse, come leader di Casartigiani attivo negli organismi della Camera di commercio, consigliere comunale e assessore, nel cercare e proporre soluzioni per la crescita economica e sociale di Siracusa. Alla sua famiglia il cordoglio mio personale, della città e dell’amministrazione comunale”.
Alla famiglia di Michele Marchese le più sentite condoglianze dalla Direzione e dalla Redazione del Diario.

CONDIVIDI