Controlli Carabinieri: 19enne denunciato per spaccio di “erba”, il coetaneo segnalato alla Prefettura

Siracusa. Anche nella giornata di di mercoledì 25 marzo in tutti i comuni della provincia aretusea i Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa hanno riscontrato numerose violazioni delle disposizioni impartite dal Governo.
Di seguito i casi più evidenti: – a Siracusa sono stati sorpresi per strada alcuni soggetti che stavano facendo compravendita di sostanze stupefacenti: un 19enne, trovato in possesso di 12 dosi di marijuana, per un peso complessivo di oltre 7 grammi, è stato denunciato all’A.G. per la detenzione a fine di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre un altro giovane è stato segnalato alla Prefettura di Siracusa per uso personale; – nella parte alta del capoluogo due uomini sono stati sorpresi mentre, sulla pubblica via, concretizzavano la compravendita di una consolle per videogiochi, precedentemente contrattata via internet; – nella frazione di Cassibile sono stati sanzionati i due titolari di un furgone adibito alla vendita di generi alimentari in forma ambulante, poiché provenienti da un comune del ragusano; – a Francofonte, Melilli, Buccheri sono stati sanzionati gli occupanti di alcune autovetture che avevano dichiarato di essere usciti di casa per andare a far visita ad alcuni amici; – a Villasmundo e Carlentini alcune persone sono state sorprese mentre circolavano al di fuori del comune di residenza; – a Buccheri un anziano ha riferito di essere andato a posteggiare l’autovettura; – a Canicattini Bagni un soggetto è stato controllato a bordo della propria autovettura dichiarando di essere uscito per andare a buttare i rifiuti; – ad Avola, Siracusa, Pachino e Rosolini, diversi soggetti sono stati controllati ed hanno dichiarato di essere stanchi di rimanere chiusi in casa.
I Carabinieri sensibilizzano ancora la cittadinanza al rispetto delle norme vigenti, ricordando che è stato fatto divieto a tutti di spostarsi in comune diverso da quello in cui ci si trova se non per “comprovate esigenze lavorative”, “assoluta urgenza” o “motivi di salute”.

CONDIVIDI