Avola. Nella tarda mattinata di mercoledì 10 gennaio, i Carabinieri della Stazione di Avola sono intervenuti presso l’istituto comprensivo Vittorini ove una coppia di genitori aveva aggredito il professore di Educazione fisica, colpevole di aver rimproverato il figlio. Il docente aveva richiamato il ragazzo il quale, anzichè scusarsi, assumeva un atteggiamento di sfida nei confronti dell'insegnante, lanciato un libro verso la cattedra. La reazione dello studente non sarebbe stata gradita dal docente, che, con il proprio telefono cellulare, contattava i genitori del giovane ribelle. Secondo quanto accertato dai Carabinieri, il professore, dopo avere raccattato il libro, lo avrebbe restituito al legittimo proprietario, lasciandolo cadere sul banco occupato dall’alunno, al cui indirizzo

rivolgeva un vero e proprio sermone sul comportamento da avere in classe e comunque nei confronti di un insegnante. Poco dopo arrivavano i genitori del giovane, i quali, anzichè richiamare il figlio, si avventavano contro il professore e lo massacravano di botte. Il docente, colpito con calci e pugni, ha riportato la frattura scomposta di una costola. I genitori dello studente sono stati identificati dai Carabinieri della Stazione di Avola e verranno deferiti alla Procura della Repubblica per interruzione di pubblico servizio e lesioni personali.

 

riproduzione vietata

SE IL DIARIO VI PIACE FATE UN ABBONAMENTO ANNUALE DI 60 EURO, CARICANDO LA SOMMA A POSTEPAY 5333 1710 2279 3950 - GRAZIE

IN QUESTO MOMENTO MI SENTO
0%
SODDISFATTO
0%
TRISTE
0%
INDIFFERENTE

Aggiungi commento

ATTENZIONE:

Cliccando "invia" accetti la nostra privacy policy


Codice di sicurezza
Aggiorna