Gianino nominata vicepresidente della Commissione di Storia Patria

Augusta. Dopo l’intensa attività primaverile, avviata con un convegno sulla “Cultura della prevenzione”, con il sismologo e geologo Marco Neri, dell’INGV di Catania e conclusasi con la celebrazione della giornata della “Memoria cittadina per ricordare i morti del 13 maggio e del 17 luglio ’43”, la “Commissione comunale di storia patria, istituzioni e ricerche” si è riunita, sotto la presidenza del prof. Giorgio Càsole, che ha nominato vicepresidente la dottoressa Maria Stella Gianino, responsabile dell’Archivio storico comunale fino a giugno scorso, e segretaria la dottoressa Chiara Scafiri. Quindi, ha elaborato la programmazione di attività che si svolgeranno in autunno e in inverno, quali visita al Forte Vittoria, un convegno sul porto militare, commerciale e industriale, una mostra di tavole sui palazzi gentilizi, una giornata di studi federiciani, per celebrare il fondatore della città, quel Federico II di Svevia, già “stupore del mondo” nell’epoca sua, il presepe con artistici pastori acquistati anni fa dalla Commissione, essendo presidente l’avvocato Elio Salerno, oggi 95enne, festeggiato nello corso mese di maggio, con un’interessante serata artistico-culturale, nel salone settecentesco di palazzo di città. L’attuale commissione comunale di storia patria è stata rinnovata quasi del tutto, in seguito a un avviso pubblico bandito dall’Amministrazione comunale che ha scelto componenti e presidente valutando il c.v. presentato da ciascuno. Nessuno è remunerato e tutti resteranno in carica fino al maggio-giugno 2020, quando, cioè, si svolgeranno le elezioni per il rinnovo di sindaco e consiglio comunale. L’Amministrazione comunale ha completato l’iter per il conferimento di tutte le nomine il 5 marzo scorso. La Commissione comunale di storia patria fu istituita nel lontano 1965, su proposta del citato Elio Salerno, degli ingegneri Tullio Marcon e Giovanni Vaccaro, dell’archeologo amatoriale Mario Mentesana e del bibliotecario Peppino Amato, cultori di storia locale, che hanno contribuito a far nascere e a mantenere in vita per ben 35 numeri, nell’arco di cinquant’anni, il Notiziario storico di Augusta. L’attuale commissione vuole proseguire nel solco tracciato dai fondatori e, perciò, si sta impegnando per dare alle stampe il n. 36.

CONDIVIDI