Arrestato il 24enne evaso dalla comunità svizzera, è sceso a Lentini per coccolare la sua gioia

Lentini. Il mandato di arresto internazionale contro Devis Loritto, 24 anni, fuggito da una comunità in cui era stato rinchiuso per ordine della Magistratura svizzera è stato diffuso il 9 febbraio scorso e la foto del giovane svizzero è stata affissa in tutti i posti di Polizia di tutti gli Stati membri della Comunità Europea. E, ovviamente, quella foto era bene in vista anche nella sede del Commissariato della Polizia di Stato di Lentini e dagli agenti memorizzata nel caso in cui a Devis Loritto fosse venuta la brillante idea di nascondersi nel comune di Lentini. Nella serata di ieri, venerdì 28 febbraio, gli a genti del Commissariato di P.S. di Lentini hanno arrestato Loritto Devis Loritto, all’interno di un ristorante. Con gli agenti del Commissariato hanno agito i loro colleghi della Squadra Mobile della Questura di Siracusa, arrivati a Lentini non appena informati della presenza del ricercato svizzero in un ristorante, ove si trovava in compagnia di una donna del posto. Il giovane svizzero, in compagnia della donna lentinese, poi risultata la sua fidanzata, appena si è visto fissare dai poliziotti, tutti in borghese, ha invitato la donna ad alzarsi e a seguirlo senza chiedergli il motivo di quella decisione visto che nel locale erano arrivati nemmeno una ventina di minuti prima. La donna ha seguito il Loritto e alle loro spalle si sono accodati i poliziotti che, appena trovatisi all’esterno del ristorante, hanno accelerato il passo e hanno raggiunto e fermato il ventiquattrenne e la sua compagna. Devis Loritto è stato fermato poichè destinatario di richiesta d’arresto provvisorio a scopo di estradizione a mezzo S.I.S. da parte della Svizzera, perchè indagato per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, pornografia minorile sotto i 16 anni, detenzione abusiva di armi, riciclaggio di denaro, estorsione e guida senza patente. I capi d’accusa mossi dalla Magistratura svizzera a Devis Loritto sono riportati nel mandato di arresto inoltrato alla Direzione
Centrale della Polizia Criminale – Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, nella giornata del 9 febbraio scorso, giorno in cui il ventiquattrenne si era allontanato dalla comunità in cui era stato rinchiuso.
Le indagini hanno accertato che Devis Loritto dalla Svizzera è sceso fino a Lentini per rivedere la sua compagna e soprattutto per conoscere la creaturina che avevano assieme concepito e venuta al mondo quando lui era stato già tratto in arresto dalla polizia svizzera per i gravissimi reati di cui è chiamato a rispondere dinanzi al Tribunale svizzero. Poi, dopo aver coccolato la figlioletta, assieme alla compagna, si è recato nel ristorante per cenare ma non ha avuto nemmeno il tempo di ordinare le pietanze poichè è finito nel mirino dei poliziotti del Commissariato di Lentini, che lo hanno ammanettato e condotto negli uffici della Polizia di Stato per notificargli il mandato di arresto europeo.
Alla richiesta di esibire i documenti di identità, Loritto ha tentato invano di trarre in inganno i poliziotti, fornendo un passaporto di una terza persona.​ Negli uffici di polizia Devis Loritto dapprima negava di chiamarsi Loritto Devis, per poi confessare la sua reale identità.
Gli agenti hanno quindi proceduto all’arresto del giovane svizzero e, altresì, lo hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Siracusa per aver fornito false generalità.
Ultimati gli adempimenti di legge, Devis Loritto è stato associato alla Casa Circondariale di Cavadonna.
L’udienza per l’estradizione è stata già fissata. Si terrà lunedì mattina innanzi alla Corte d’Appello di Catania. La famiglia della compagna di Devis Loritto ha incaricato l’avvocato Rosario Frigillito di assisterlo all’udienza di estradizione.

CONDIVIDI