Nello smartphone del ricattatore pachinese rinvenuti filmati dei rapporti sessuali con le due ex

Pachino. Su disposizione della Procura della Repubblica di Siracusa, la Polizia di Stato ha eseguito una perquisizione nei confronti di un uomo di 42 anni, residente a Pachino, indagato per diffusione illecita di immagini sessualmente esplicite (cosiddetto revenge porn che in italiano vuol dire vendetta porno).
L’indagine è stata avviata dalla Sezione Polizia Postale di Ragusa a seguito della denuncia di due donne quarantenni residenti in quella provincia che avevano avuto, in tempi diversi, rapporti sentimentali con l’indagato che, nel corso di quelle relazioni, aveva realizzato foto e video dei loro rapporti intimi.
Successivamente alle separazioni, il quarantaduenne di Pachino aveva più volte tentato di riprendere i rapporti, minacciando le due ex fidanzate di diffondere le foto ed i video in suo possesso. Le vittime hanno presentato denuncia contro l’amante pachinese e le attività investigative, condotte da personale specializzato della Polizia Postale di Ragusa, hanno consentito di confermare le responsabilità dell’autore della condotta.
Il Pubblico Ministero ha immediatamente disposto una perquisizione domiciliare ed informatica nei riguardi dell’indagato, atto che ha dato esito positivo poiché in una cartella memorizzata sullo smartphone dell’uomo sono state rinvenute le immagini dei rapporti sessuali tra il pachinese e le sue ex fidanzate.

CONDIVIDI