Augusta, 22enne continua a spacciare anche ai domiciliari e i giudici lo spediscono in carcere

Augusta. I Carabinieri della Stazione di Augusta, nel pomeriggio di giovedì 26 marzo, hanno tratto in arresto, in esecuzione di un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dalla Corte di Appello di Catania, il pregiudicato augustano Francesco Bandiera, 22 anni, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per reati inerenti le sostanze stupefacenti.
A determinare la firma del provvedimento coercitivo è stata la segnalazione effettuata dalla Stazione di Augusta che, indagando sul conto di Francesco Bandiera, hanno avuto modo di appurare che il giovane, benché agli arresti domiciliari, continuava incurante la sua attività di spaccio dalla propria abitazione. I Carabiinieri della Stazione di Augusta hanno, quindi, proposto all’Autorità Giudiziaria etnea un aggravamento della misura cautelare in atto. La Corte d’Appello ha accolto la richiesta applicando la più afflittiva misura della custodia cautelare in carcere.
Quando i Carabinieri si sono recati, ieri, ad arrestare il giovane, hanno rinvenuto nella sua abitazione 16 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, a conferma del già grave quadro probatorio ricostruito a suo carico. L’arrestato è stato quindi condotto presso la Casa circondariale Piazza Lanza di Catania.

CONDIVIDI