Portopalo, Guardia Costiera sequestra in un deposito 140 chili di pesce privo di tracciabilità

Portopalo. Personale militare della Capitaneria di Porto di Siracusa, nel corso dei controlli effettuati la notte scorsa sulla filiera ittica nel territorio dei Comuni di Portopalo di C.P. e Marzamemi, ha riscontrato la presenza di un grosso quantitativo di prodotto ittico misto, privo di tracciabilità, all’interno di un deposito ittico di Portopalo.
Al termine degli accertamenti, durante i quali il proprietario del deposito non è stato in grado di fornire alcuna documentazione attestante la provenienza del pescato, circa 140 kg di specie mista tra ricciola, gambero sgusciato, sauri e specie varia per frittura, i militari hanno provveduto a sanzionare il proprietario e a sottoporre a sequestro il prodotto ittico privo di tracciabilità. L’intero quantitativo di pescato, sottoposto a visita organolettica da parte dei veterinari dell’Asp n° 8 di Siracusa – distretto di Noto, veniva giudicato idoneo al consumo umano e devoluto in beneficenza ad un Istituto caritatevole di Siracusa.
Si coglie l’occasione per rammentare agli operatori del settore l’obbligo del rispetto della normativa, comunitaria e nazionale, sulla commercializzazione del prodotto ittico e sensibilizzare i consumatori sul diritto di essere adeguatamente informati sui prodotti della pesca commercializzati, dissuadendoli dall’acquisto di specie ittiche prive di adeguate informazioni sulla provenienza.

CONDIVIDI