Presi in Via Immordini con cocaina, marijuana e hashish: il Pm chiede condanna di 3 pusher

Siracusa. A conclusione della requisitoria il Pubblico Ministero Marco Dragonetti ha chiesto la condanna di tre spacciatori di sostanze stupefacenti, tratti in arresto il 4 settembre dello scorso anno dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Siracusa, supportati dai militari della Stazione di Ortigia. Nel corso di un blitz effettuato in Via Immordini, i Carabinieri arrestarono quattro persone, tre quelle quali maggiorenni e il quarto minore degli anni diciotto.
Dopo un mirato e specifico servizio di osservazione e controllo i Carabinieri hanno fatto irruzione in una palazzina di Via Immordini ed hanno arrestato nella flagranza del reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente Enrico De Angelis, 27 anni, Francesco Campailla, 48 anni, Alfio Gagliano, 22 anni, nonchè l’ex minorenne A. M., che adesso ha compiuto 20 anni.
Nella medesima circostanza sono stati anche denunciati a piede libero altri due trentenni siracusani.
Tutti questi, seppur cercando di darsi alla fuga alla vista dei Carabinieri, sono stati prontamente identificati e bloccati dai militari stessi, i quali hanno anche trovato, allo stesso tempo, sia i cellulari di proprietà degli arrestati che uno zaino contenente un ingente quantitativo di sostanza stupefacente. Dentro lo zaino si trovavano svariati tipi di droga così suddivisa: 139 dosi di “marijuana” per un totale di 125 grammi, 14 dosi di hashish per un totale di 25 grammi e 132 dosi di cocaina per un totale di 38 grammi. Sottoposti a perquisizione personale l’ex minore veniva trovato in possesso di quasi 600 euro, mentre il Campailla era in possesso di 240 euro: entrambe le somme verosimilmente provento dell’attività di spaccio.
Infine, assieme allo zainetto venivano sequestrate anche quattro ricetrasmittenti monocanale coi rispettivi carica batterie da tavolo e altrettanti cellulari, verosimilmente utilizzate dai malfattori per cercare di avvisarsi tra di loro per l’arrivo delle Forze di Polizia ed eludere possibili controlli nella zona.
Enrico De Angelis, Francesco Campailla e Alfio Gagliano, dopo essere stati condotti presso i locali della Compagnia Carabinieri di Siracusa ed ultimate le formalità di rito, sono stati condotti presso il carcere di Cavadonna. Il minorenne, anch’esso accompagnato presso i locali della Compagnia è stato accompagnato presso il “Centro di prima accoglienza per minori” di Catania così come disposto dalle rispettive Autorità Giudiziarie competenti.
Enrico De Angelis, difeso dall’avvocato Giorgio D’Angelo, Francesco Campailla e Alfio Gagliano, difesi entrambi dall’avvocato Junio Celesti, questa mattina sono comparsi innanzi al Giudice dell’udienza preliminare Andrea Migneco in quanto hanno chiesto di essere processati con rito abbreviato. Tutt’e tre hanno confessato gli addebiti e hanno già ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari.
Il Pubblico Ministero Marco Dragonetti ha chiesto la condanna dei tre spacciatori sollecitando per Alfio Gagliano la pena di sei anni di reclusione, e la pena di sei anni e quattro mesi di reclusione ciascuno per Francesco Campailla ed Enrico De Angelis.
L’avvocato Giorgio D’Angelo per il De Carolis e l’avvocato Junio Celesti per Francesco Campailla e Alfio Gagliano hanno chiesto la condanna al minimo della pena, la concessione delle attenuanti generiche da ritenere prevalenti rispetto alle circostanze aggravanti e la riduzione della pena per il rito abbreviato.
Il Gup Andrea Migneco si è riservato e domani mattina emetterà il verdetto contro i tre spacciatori di sostanze stupefacenti.

CONDIVIDI