Spaccio di droga in Via Algeri, due condanne e un’assoluzione emesse dal Giudice Mazziotta

Siracusa. Con due condanne e un’assoluzione si è concluso il processo a carico di tre giovani tratti in arresto in Via Algeri con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e marijuana. La pena di tre anni e quattro mesi di reclusione è stata inflitta a Sebastiano Genovese, 22 anni, che il Giudice Monocratico Liborio Mazziotta ritiene il principale artefice della detenzione ai fini di spaccio di marijuana e di cocaina. Il Giudice Monocratico ha irrogato la pena di un anno di reclusione, con la concessione della condizionale e della non menzione nel certificato penale per Christopher Colombo, 23 anni. E, invece, ha pronunciato sentenza di assoluzione con formula piena nei confronti di Federico Pugliara, 24 anni, a cui lo stesso Giudice Monocratico Mazziotta aveva concesso la remissione in libertà per assoluta carenza degli indizi di reità. A conclusione della requisitoria il Pubblico Ministero Francesco Serrentino aveva sollecitato la condanna alla pena di cinque anni di reclusione per Sebastiano Genovese, che si trova tuttora detenuto in carcere e, inoltre, la condanna alla pena di tre anni di reclusione per Christopher Colombo. Anche il rappresentante della pubblica accusa aveva chiesto l’assoluzione di Federico Pugliara. Il difensore dei tre giovani residenti in Via Algeri, avvocato Giorgio D’Angelo, si è battuto per la loro assoluzione e, nel caso in cui il Giudice Monocratico fosse pervenuto a pronunciarsi per la colpevolezza di Sebastiano Genovese, che ha seguito il processo a distanza in videoconferenza dalla Casa Circondariale di Ragusa, e di Christopher Colombo, presente in aula così come il suo amico Federico Pugliara, ha chiesto il minimo della pena e la concessione delle attenuanti generiche. Per Federico Pugliara, invece, l’avvocato Giorgio D’Angelo, ha chiesto un verdetto di assoluzione con formula ampiamente liberatoria.
I tre ragazzi di Via Algeri sono stati processati con il rito abbreviato, come richiesto dall’avvocato Giorgio D’Angelo a seguito della convalida dell’arresto operato nei confronti dei suoi clienti dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Siracusa. All’udienza di convalida il Giudice Monocratico Liborio Mazziotta aveva lasciato intendere il suo orientamento sulla sorte dei tre giovani. Infatti, aveva applicato la misura cautelare della custodia in carcere soltanto al Genovese, mentre aveva ordinato l’immediata scarcerazione dei suoi due amici. Il Giudice ha disposto, infatti, l’obbligo di dimora per Christopher Colombo, mentre nessuna misura cautelare ha applicato a Federico Pugiara per assoluta carenza dei gravi indizi di reità.
I tre giovani imputati sono stati arrestati dagli agenti della Squadra Mobile, all’interno di un complesso immobiliare di via Algeri, due dei quali intenti a trasportare, all’interno di un paniere di vimini, un cospicuo quantitativo di marijuana, parte della quale già confezionata in dosi pronte per essere commercializzate.
Le attività di osservazione da parte del personale di polizia ha consentito di individuare, contestualmente, un terzo giovane che, alla loro vista, si disfaceva dalla finestra della propria abitazione di un bilancino di precisione nonché di un involucro contenente cocaina.
La perquisizione all’interno della predetta abitazione, della quale usufruivano i tre giovani per detenere e confezionare lo stupefacente ha consentito di rinvenire altresì altra sostanza stupefacente, materiale idoneo al confezionamento della droga nonché denaro contante, 1500 euro, provento dell’attività illecita data dallo smercio al dettaglio della sostanza stupefacente. Nel complesso sono stati sequestrati 300 grammi di marijuana, in grado di esprimere circa 600 dosi per un valore commerciale di 5000 euro e 15 grammi di cocaina, in grado di esprimere 60 dosi per un valore di circa 1000 euro.

CONDIVIDI