Fugge sui tetti ma non evita la cattura, però poi il Giudice Monocratico Coniglio lo scarcera

Siracusa. La caparbietà ed il fiuto investigativo degli uomini della Squadra Mobile sono stati premiati ancora una volta.
Nell’ambito delle incessanti operazioni antidroga, che da tempo stano impegnando gli uffici investigativi di Siracusa e provincia, gli agenti della Squadra Mobile aretusea, nella mattinata e nel pomeriggio di ieri, hanno arrestato due pusher attivi nelle piazze dello spaccio di Via Immordini e di Piazza San Metodio.
Nella prima operazione, gli uomini diretti dal Dott. Presti sono intervenuti in uno stabile, sito in Via Immordini, ove hanno sorpreso Fortunato Ciaramitaro, 26 anni, soggetto conosciuto agli inquirenti che, alla vista dei poliziotti, fuggiva sul terrazzo e lanciava un involucro contenente dello stupefacente che veniva recuperato prontamente dagli agenti. Il fuggitivo è stato bloccato subito dopo. All’interno della busta sono stati rinvenuti 80 dosi, pronte per lo spaccio, tra cocaina e marijuana, ed indosso al giovane la somma di 145 euro in contanti, probabile frutto dell’attività di spaccio.
Ciaramitaro, siracusano, è stato tratto in arresto e condotto ai domiciliari, così come disposto all’Autorità Giudiziaria competente. E questa mattina è stato processato per direttissima dal Giudice Monocratico Antonella Coniglio che, dopo aver convalidato l’arresto, ha ordinato la sua immediata liberazione, avendogli applicato la misura cautelare dell’obbligo di dimora. Ciaramitaro è difeso dall’avvocato Junio Celesti. Il Pubblico Ministero aveva chiesto per Fortunato Ciaramitaro la misura degli arresti domiciliari, ma il Giudice Monocratico ha preferito accogliere la richiesta dell’avvocato Junio Celesti, tesa ad ottenere la scarcerazione.

CONDIVIDI