Avola, scoperta coltivazione di marijuana nella casa di una donna: sequestrati circa due chili di “erba”

Avola. Gli agenti del Commissariato di P.S. di Avola, nel corso di predisposti controlli, finalizzati al contrasto dello spaccio e della coltivazione di sostanze stupefacenti, hanno eseguito una perquisizione in un terreno sito nei pressi della Contrada Saccollino (Comune di Noto).
La perquisizione, che poi si è estesa all’abitazione di proprietà di una donna di 56 anni, successivamente identificata come Laura Mazzolini, residente a Noto, e alle relative pertinenze, ha consentito di rinvenire numerosi involucri contenenti marijuana, confezionati in contenitori a tenuta stagna. Venivano rinvenute, inoltre, delle piante di cannabis indica, già raccolte ed in fase di essicamento.
La coltivazione delle piante veniva svolta a ciclo continuo, attesa la circostanza che, appena venivano raccolte ed essiccate le piante, già immediatamente venivano piantate le altre.
Nel garage in uso alla donna è stata scoperta una vera e propria camera per l’essiccazione e la stagionatura della marijuana, ricavata da una cabina a vapore appositamente attrezzata per tale processo, completa di termostato, apparecchi per la ventilazione, timer d’accensione e lampada ad infrarossi.
Laura Mazzolini, già conosciuta alle forze di polizia, dopo gli accertamenti del caso, è stata condotta nella propria abitazioni in regime di arresti domiciliari su disposizione dell’autorità Giudiziaria.
In totale sono stati sequestrati circa due chilogrammi di sostanze stupefacenti e 260 euro in contanti, probabile provento dell’attività illecita.

CONDIVIDI