Non sei abbonato

Caro lettore, non puoi leggere le notizie perché non possiedi un abbonamento attivo.

Attiva un abbonamento
mio capitano pubblcitià
mio capitano pubblcitià

Il caso del sacerdote sortinese ridotto allo stato laicale, che ha inviato una supplica al Santo Padre. La versione di Pandolfo, che aspetta la grazia del Papa. “Durante la mia malattia psicologica sono stato totalmente abbandonato dalla Curia di Siracusa”

CronacaIl caso del sacerdote sortinese ridotto allo stato laicale, che ha inviato una supplica al Santo Padre. La versione di Pandolfo, che aspetta la grazia del Papa....
Augusta. Dopo 35 anni di sacerdozio, di cui dieci trascorsi – a Palermo come frate minore conventuale, il 57enne Paolo Pandolfo, di Sortino, ridotto recentemente allo stato laicale, ha accettato di esporci la sua versione in questa lunga intervista. – Nella Sua ultima lettera aperta al vescovo di Siracusa, Francesco Lo Manto, Lei non giustifica alcuno dei suoi errori. Quali sono stati questi errori che hanno provocato la condanna senz’appello della Sua esclusione dal clero cattolico? Come ha reagito a questa sentenza? “Considero la riduzione allo stato laicale, totalmente ingiusta, inadeguata, persecutoria da parte del mio arcivescovo Francesco Lo Manto, per errori o reati da me commessi di tipo amministrativo, non...