Non sei abbonato

Caro lettore, non puoi leggere le notizie perché non possiedi un abbonamento attivo.

Attiva un abbonamento

La Corte d’Assise di Appello ha affidato l’incarico a un esperto di armi e di balistica che dovrà accertare se contro Angelo Sparatore furono esplosi da due pistole o da una sola arma gli otto proiettili che gli sono stati trovati nel corpo

CronacaLa Corte d’Assise di Appello ha affidato l’incarico a un esperto di armi e di balistica che dovrà accertare se contro Angelo Sparatore furono esplosi da due pistole o...
Catania. Davanti alla Corte di Assise di Appello , che sta giudicando Alessio Attanasio e Luciano De Carolis, appellanti contro la sentenza del Gup Valenti con la quale sono stati condannati alla pena di 30 anni di reclusione ciascuno in quanto riconosciuti colpevoli dell’omicidio di Angelo Sparatore, avvenuto a Siracusa il 4 maggio 2001, è comparso il tecnico di armi e di balistica cui è stato conferito l’incarico di accertare se gli otto colpi di arma da sparo siano stati esplosi da una sola pistola o due armi. L’esperto ha chiesto trenta giorni di tempo per rispondere al quesito e la Corte glielo ha concesso rinviando al 18 marzo prossimo la sua audizione nel corso della quale potrà illustrare la sua perizia balistica. E’...