Non sei abbonato

Caro lettore, non puoi leggere le notizie perché non possiedi un abbonamento attivo.

Attiva un abbonamento
mio capitano pubblcitià
mio capitano pubblcitià

Il Tribunale ha concesso gli arresti domiciliari ai sortinesi Angelo Briganti e Vincenzo Puglisi alla sbarra per mafia, illecita concorrenza e tentata estorsione

CronacaIl Tribunale ha concesso gli arresti domiciliari ai sortinesi Angelo Briganti e Vincenzo Puglisi alla sbarra per mafia, illecita concorrenza e tentata estorsione
Siracusa. Il Collegio del Lunedì (presidente, Carla Frau; a latere, Giuliana Catalano e Liborio Mazziotta) ha concesso gli arresti domiciliari ai sortinesi Angelo Briganti, 52 anni e Vincenzo Puglisi, 48 anni, entrambi dipendenti dell’impresario di pompe funebri Antonino Inturrisi, 72 anni, del quale il secondo è anche genero. Dal 22 gennaio 2024 Briganti e Puglisi, entrambi difesi dall’avvocato Junior Celesti, si trovano alla sbarra assieme al loro datore di lavoro, all’esponente del clan Nardo il sortinese Innocenzio Pandolfo, 54 anni e al siracusano Johnny Pezzinga, 23 anni, perché accusati, in concorso, di associazione a delinquere di stampo mafioso, illecita concorrenza con l’aggravante del metodo mafioso e tentata...