Non sei abbonato

Caro lettore, non puoi leggere le notizie perché non possiedi un abbonamento attivo.

Attiva un abbonamento

Il 20 marzo 1991 in provincia di Lecce vengono massacrate una madre di 27 anni e la sua figlioletta di due anni e mezzo. Una studentessa del liceo scientifico Filolao di Crotone racconta il tragico attentato della criminalità pugliese

CronacaIl 20 marzo 1991 in provincia di Lecce vengono massacrate una madre di 27 anni e la sua figlioletta di due anni e mezzo. Una studentessa del liceo scientifico...
Lucca. Il 20 marzo del 1991 a Parabita in provincia di Lecce vengono massacrate dalla mafia Paola Rizzello di 27 anni e sua figlia Angelica Pirtoli di due anni e mezzo; il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende ricordarlo attraverso l’elaborato della studentessa Fabiha Islam della classe III sez. G del liceo scientifico Filolao di Crotone. “La storia della tenera Angelica Pirtoli, una bambina di soli due anni e mezzo, è intrecciata con quella della madre, Paola Rizzello, intrappolata nel mondo dell’eroina gestito dalla criminalità organizzata. Paola, legata sentimentalmente al boss Luigi Giannelli e successivamente a Donato Mercuri, finì per essere un problema per il clan. Il litigio...