Non sei abbonato

Caro lettore, non puoi leggere le notizie perché non possiedi un abbonamento attivo.

Attiva un abbonamento

Rinviato al 15 luglio ai cognati accusati di rapina In una villa di Cassibile. Toccherà al Pubblico Ministero la Requisitoria

CronacaRinviato al 15 luglio ai cognati accusati di rapina In una villa di Cassibile. Toccherà al Pubblico Ministero la Requisitoria
Siracusa. Al processo a carica del catanese Luca Scattamaglia e di suo cognato Danilo Casto, quest’ultimo siracusano ha deposto Vincenzo scalzo, tecnico montatore di telecamere. L’uomo è stato citato dal difensore del Casto avvocato Junio Celesti, per confermare o smentire di avere incontrato il casto il quale gli chiese di dirgli la durata dei filmati prodotti dalle telecamere installate agli ingressi degli esercizi commerciali. Il testimone ha confermato di avere incontrato Danilo Casto e di essersi sentito dire la domanda sulla durata dei filmati prodotti dalle telecamere. L’incontro tra il signor Scalzo e l’imputato Danilo Casto sarebbe avvenuto immediatamente dopo l’avvenuta rapina ai danni del titolare di un esercizio...